Visualizzazione post con etichetta Oggi Sposi Blog. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Oggi Sposi Blog. Mostra tutti i post

domenica 7 giugno 2020

ELETTRA LAMBORGHINI e AFROJACK matrimonio confermato a settembre 2020

Il coronavirus ha costretto al rinvio molti matrimoni vip. Da Giorgia Palmas a Simona Ventura sono tante le showgirl italiane che hanno deciso di posticipare la data delle loro nozze, ma non Elettra Lamborghini.
L'ereditiera non ha voluto rinunciare al suo sogno, scegliendo di confermare l'evento per settembre. A meno di tre mesi dal sì, però, la Lamborghini deve recuperare il tempo perduto per colpa della quarantena. Per organizzare il matrimonio nei minimi dettagli, la cantante ha scelto di affidarsi al wedding planner più famoso d'Italia (e del piccolo schermo), Enzo Miccio.
Lo scorso dicembre, con un post social a sorpresa, Elettra Lamborghini annunciava il fidanzamento con il compagno, il dj olandese Afrojack. Il preludio di un matrimonio da favola che avrebbe dovuto realizzarsi nove mesi dopo, ma che la pandemia da coronavirus ha messo  a rischio. Nonostante l'incertezza che regna a causa dell'emergenza ancora in corso, Elettra Lamborghini ha deciso di non rinunciare alle nozze, puntando tutto su Enzo Miccio per organizzare l'evento dell'anno, in programma il prossimo settembre.
Nelle scorse ore, la regina del twerking, come viene chiamata nell'ambiente musicale, ha visitato alcune location sul Lago di Garda. Foto e video del sopralluogo sono stati condivisi nelle storie del suo profilo Instagram. Visibilmente emozionata, Elettra Lamborghini ha ripreso Enzo Miccio su una barca che li ha portati sullo scenografico isolotto del Garda, a poca distanza da San Felice del Benaco. La futura sposa e il wedding planner dei vip hanno visitato la villa in stile neogotico veneziano, progettata dall'architetto Luigi Rovelli nei primi '900, che si erge solitaria sull'isola del famoso lago. Elettra Lamborghini si è detta entusiasta ed emozionata della location, la sua preferita fino ad adesso e che, a giudicare dalle parole dette sui social network, potrebbe essere proprio quella scelta per celebrare il matrimonio con il suo Afrojack.
Se le disposizioni di sicurezza in tema di contagio non cambieranno, la Lamborghini e i suoi invitati (ridotti al minimo per evitare assembramenti) dovranno rinunciare ai classici gadget come ciabattine e ventagli brandizzati per le nozze. L'accessorio che non potrà mancare, da indossare almeno per il 2020, sarà infatti la mascherina e chissà che la cantante non scelga di farne realizzare alcune "a tema" proprio per l'occasione.

mercoledì 3 giugno 2020

I matrimoni ai tempi del Covid 19: cerimonie in mascherina e pochi invitati. Tutte le regole del protocollo.

 Si celebrano le prime nozze in Puglia e Campania: l’emozione dei primi sposi
Le linee guida per le nozze
Il Comune di Bari è tra i primi in Italia ad aver emanato linee guide che consentono di celebrare matrimoni e unioni civili, con un numero limitato di invitati, tutti con mascherine, sottoposti a igienizzazione delle mani all'ingresso, e con sedie distanziate tra loro di almeno un metro e mezzo. "Non ci possono essere ancora tutti, dobbiamo rispettare molte regole, ma piano piano stiamo tornando a vivere la bellezza di momenti come questo", ha commentato il sindaco Decaro.


Festa rimandata

Per Michele e Rossella la cerimonia in chiesa e la festa con quasi 200 invitati è rimandata di un anno, al 22 maggio 2021, ma non hanno voluto rinunciare a scambiarsi gli anelli nella data che avevano scelto tanto tempo fa. Per chi non ha potuto partecipare, gli sposi hanno organizzato un evento privato in diretta Facebook; all'esterno della sala comunale alcuni amici hanno compiuto il tradizionale lancio di riso e coriandoli. Le mascherine nascondevano i sorrisi, ma gli occhi pieni di commozione erano ben visibili.
La macchina degli sposalizi riparte lentamente
Insomma, il fatidico "sì" frenato dal covid19 ora riparte. In prima linea sui matrimoni ci sono Campania e Puglia, le due Regioni in cui la tradizione della celebrazione e della festa continua in maniera più forte e in cui c'è un indotto economico enorme. In Campania, ad esempio, Assocastelli stima un movimento di denaro di due miliardi l'anno tra location, catering, fotografi, regali, bomboniere, estetiste, parrucchieri e stilisti. Un comparto in cui lavorano migliaia di persone rimaste a lungo ferme. Da qualche giorno sono ripartiti i riti civili a Napoli, nelle sale delle Municipalità, mentre a Bari riprendono rispettando le linee guida per la celebrazione emesse dal Comune.

Le regole per la festa

Le regole pugliesi prevedono ospiti, testimoni e fotografi con la mascherina, mentre gli sposi possono farne a meno durante la cerimonia, tenendosi a due metri di stanza dal celebrante e dopo essere stati tutti sottoposti a misurazione della temperatura e igienizzazione delle mani. Dovranno essere inoltre riorganizzati gli spazi per assicurare il mantenimento della distanza tra i partecipanti garantendo nella disposizione dei posti a sedere, il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro e mezzo e se la distanza dal celebrante non potrà essere assicurata, la postazione dedicata al rito potrà essere dotata di divisori in plexiglass. L'amore al tempo del covid19 funziona così, ma la ripartenza è giudicata lenta e gli operatori fanno pressione sulle istituzioni. Il governatore campano Vincenzo De Luca ha tenuto una riunione con i rappresentanti del settore wedding assicurando che lavorerà per arrivare a una ripresa, con le necessarie prescrizioni, nella prossima metà del mese di giugno.

(Ansa)

domenica 3 maggio 2020

DONALD TRUMP e MELANIA KNAUSS matrimonio del 22 Gennaio 2005







Donald Trump, Presidente degli Stati Uniti d'America miliardario statunitense si sposo' per l terza volta a 58 anni con Melania Knauss 34 anni in un sfarzosa cerimonia svoltasi a Palm Beach, in Florida.Un invitato in vena di confidenze disse alla stampa che la sposa "sembrava una principessa" e che tutto si concluse "con un lungo e romantico bacio", accompagnato dall'applauso degli astanti.
La cerimonia e la festa che ha seguito lo scambio di anelli, con molti vip tra gli invitati, si è svolta in Florida: smanie di grandezza, cattivo gusto e spese pagate da sponsor . L'anello da 15 carati della sposa vale 1,5 milioni di dollari, ma è stato offerto dal gioielliere Graff. E l'abito nuziale di Melania (23 chili di seta e cristalli) è uscito dagli atelier Dior by John Galliano. La torta a sette piani al Grand Marnier era coperta da 3000 rose glassate. Lo chef di New York Jean Georges Vongerichten ha cucinato gratis al ricevimento nuziale: filetto mignon al pepe, gamberoni, foie gras, aragosta e caviale, un regalo da quasi 50 mila dollari con ritorno pubblicitario garantito. Unico neo i fuochi d'artificio, che il comune di Palm Beach, a nord di Miami, non ha voluto autorizzare.
Donald e Melania si sono sposati alle 19.00 locali di sabato (l'una di notte di domenica in Italia), in una chiesa episcopale di Bethesda-by-the-Sea, e hanno poi dato una grande festa nel nuovo resort del magnate, il Mar a Lago Club, dove il miliardario ha fatto costruire una riproduzione della sala degli specchi della reggia di Versailles, con migliaia di metri quadrati ricoperti di marmo. Il fatidico "sì" è stato accompagnato dalle note dell'Ave Maria.
Tra gli ospiti che hanno accettato l'invito (ma il ricevimento era off limits per la stampa, dunque non è stato possibile verificarne l'effettiva presenza) ci sono l'ex presidente Bill Clinton e sua moglie, la senatrice Hillary, il governatore della California Arnold Schwarzenegger e la moglie Maria Shriver, il sindaco di New York Michael Bloomberg e il suo predecessore Rudolph Giuliani. Hanno invece declinato l'invito attori come Bruce Willis, Michael Douglas e la moglie Catherina Zeta-Jones e il cantante Elton John.Melania, fidanzata di Trump da cinque anni, era al suo primo "sì". Lo sposo, memore delle passate esperienze coniugali, ha preteso che la sposa firmasse l'accordo prematrimoniale per difendere una fortuna valutata a nove zeri, nonostante periodici rovesci. In cambio ha rinunciato al tradizionale "bachelor's party", l'addio al celibato che qui si celebra con spogliarelliste.
"Il contratto prematrimoniale è uno strumento orrendo, ma è molto meglio averlo", ha spiegato alla rivista il palazzinaro che l'anno scorso si è reinventato uno statuto da star televisiva con popolarissimo show "L'Apprendista": "Se non l'avessi avuto in passato, ora non sarei il proprietario dei palazzi più belli di New York". Nel caso di Ivana, la prima moglie, l'accordo limitava gli alimenti post-divorzio a un massimo di 25 milioni di dollari. Con Marla, Trump se la cavò con "appena" un milione: il contratto scattava infatti dopo quattro anni e l'unione fallì prima del quarto aniversario.
(immagini tratte da LookdVip)

SYLVA KOSCINA e RAIMONDO CASTELLI matrimonio del 1967


Sylva Koscina (Zagabria, 22 agosto 1933 – Roma, 26 dicembre 1994). L’attrice fu spesso protagonista di molti gossip per i suoi flirt con diversi attori, tra cui Paul Newman e Alberto Sordi. Dall’iniziò degli anni ’60 convisse con Raimondo Castelli che sposò, in Messico nel 1967.Il matrimonio non riconosciuto in Italia fu successivamente annullato per bigmi di Castelli. Nel 1990 iniziò una relazione con il regista Enrico Roseo.

martedì 21 aprile 2020

LILLI GRUBER e JACQUES CHARMELOT matrimono del 16 Luglio 2000




La popolare giornalista della tv, Lilli Gruber  (Bolzano, 19 aprile 1957),  sposa il 16 luglio 2000 un collega conosciuto in guerra Jacques Charmelot  in un paesino della val di Fiemme.
Dietlinde detta Lilli sorride e risponde «oui», in francese. E Jacques pronuncia il suo «sì» in italiano. Poi il sindaco Alois Amort, che ha appena chiesto loro se vogliono diventare marito e moglie, fa anche lui un gran sorriso e dice qualcos' altro che di solito, in queste cerimonie, i sindaci non dicono: «Bé, non credevo di sentirmi così emozionato». La sposa accarezza una rosa gialla, quasi uguale alle tinte «champagne» del suo abito Armani di seta. Ci sono molte altre rose gialle tutt' intorno. E si stappa lo «champagne» vero, 15 bottiglie di Moet Chandon appena giunte in Comune. Giù in strada, di là dalle vetrate del municipio, un fotografo più allegro degli altri grida: «Lilli, non farlo!». Ma ormai è fatta: sono le 18.15 di un nuvoloso pomeriggio di luglio e Gruber Dietlinde (pare che in tedesco significhi «colei che guida i popoli») detta Lilli, altoatesina, giornalista del Tg1, è diventata la moglie di Jacques Charmelot, parigino, giornalista dell'agenzia France Presse, una carriera quasi parallela a quella della fidanzata con molti servizi anche di guerra dal Ciad, dal Libano, dalla Bosnia. Proprio in guerra, sul fronte del Golfo Persico nel ' 91, i due si erano conosciuti. E oggi in questo paesino di 1500 abitanti, Montagna (Montan in tedesco), un grappolo di case dominate da un castello all' imbocco della Val di Fiemme, in quelle terre del Basso Adige dove la giornalista ha trascorso la sua infanzia e dove ancora vive la famiglia Gruber, i fidanzati hanno appena detto il loro doppio «sì» l' uno nella lingua dell' altro. La sposa è arrivata verso le 18 con il padre, su una berlina «Jaguar Sovereignity» blu. Ha un abito lungo con lo scollo dietro, di seta cruda color miele, con scialle e cardigan di cachemire in tinta. L' ha preparato l' amico Giorgio Armani, così come l' abito grigio scuro dello sposo. Testimoni per lei il fratello Winfried, architetto e musicista jazz, insieme con l' amico Paolo Lucchini; per lui, Bandoin de Canecade e Roseanne Bartholomew, moglie dell' ex ambasciatore americano in Italia, Reginald. A casa Gruber, fra i molti altri, è anche arrivato un messaggio di auguri del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, e dalla moglie Franca. Ci sono 78 amici e parenti, intorno ai due sposi nel Municipio. Fuori, telecamere e fotografi, e una piccola folla di valligiani. Fra gli altri invitati, c' è Pietro Calabrese, già direttore della divisione due della Rai e oggi responsabile multimedia della Rcs-Rizzoli e Claudio Bernabé, ex amministratore delegato di Eni e Telecom ed oggi nel consiglio di amministrazione di Andala e Tiscali. Finita la cerimonia, tutti si trasferiscono nella villa della famiglia Gruber a Egna, nel fondovalle, poco lontano dall' imbocco dell' autostrada. Il viale d' ingresso, tra una vasca-peschiera e un piccolo allevamento di cavalli aveglianesi, è fiancheggiato da torce che più tardi verranno accese per rischiarare il cammino. Al cancello, vasi di fiori gialli. E più oltre, nel grande giardino, tre gazebo bianchi, una sorta di tende arabe sotto cui si mangia. Il menu, preparato dai cuochi di un ristorante di Bolzano, è quasi tutto in chiave altoatesina: antipasti di speck, prosciutti locali e crema di rafano, zuppa di vino, risotto alle erbe, sella di capriolo ai funghi porcini, dolci vari con la torta nuziale. Un' orchestra di tre elementi, guidata da una giovane e graziosa sassofonista, suona musica jazz. Quando viene il buio, le note si diffondono ancora nei boschi intorno. «Lilli avrebbe potuto sposarsi anche a Parigi o a Roma - spiega un' amica di famiglia- ma è troppo affezionata a questi posti, per lei non sarebbe mai stato lo stesso».


lunedì 20 aprile 2020

ROBERTO DE LUCA e PAULA CLARKE matrimonio del 5 Agosto 2017






Raggiante nel suo abito bianco dal velo merlettato e dalla lunga coda, Paula Clarke è arrivata nella chiesa di San Giorgio alle 17.23. Accompagnata dal padre, la giovane scozzese ha raggiunto il suo Roberto sotto lo sguardo ammirato dei 180 invitati. L'assessore salernitano, secondogenito del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, era arrivato poco prima sottobraccio alla madre Rosa Zampetti, anticipato solo dai testimoni, amici di una vita.Pochi i politici presenti: il sindaco di Salerno, Enzo Napoli, e i membri della giunta comunale di cui Roberto fa parte. E poi, tra gli altri, il vicepresidente della giunta regionale Fulvio Bonavitacola, il consulente alla sanità Enrico Coscioni e l'ex sindaco di Agropoli Franco Alfieri, oggi capostaff del governatore.Gli sposi, al termine della cerimonia, festeggeranno a Vietri sul Mare, a Villa Divina.

VINCENZO DE LUCA e ROSA ZAMPETTI matrimonio del 1979


Il matrimonio di Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, con Rosa Zampetti, sociologa, fu' celebrato nel 1979 ed e' finito nel 2008. Dall’ex moglie ha avuto i figli Piero De Luca (classe 1980, avvocato e diventato deputato del PD) e Roberto De Luca (nato nel 1983, laureato in Economia e Commercio e diventato assessore al Bilancio e allo Sviluppo del Comune di Salerno). Per quanto riguarda la sua sfera sentimentale più recente, è emerso che Vincenzo De Luca si è poi legato a Maria Maddalena Cantisani, professione architetto e sua compagna dopo la fine delle nozze.

MARCELLO CESENA (JEAN CLAUDE ) e ALESSANDRO IOVINE matrimonio del 18 Aprile 2020

In una Roma deserta a causa delle restrizioni legate alla pandemia da Coronavirus, il comico Marcello Cesena e Alessandro Iovine si sono detti “sì”. È stato lo stesso Cesena ad annunciare di essere convolato a nozze con il compagno, pubblicando una foto dei due su Instagram con la scritta simbolo: “Just married!“.Sono tempi difficili quelli che stiamo vivendo. L’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus sta attanagliando l’Italia e tutti noi abbiamo dovuto fermarci, rimanendo in casa e rivisitando radicalmente la nostra quotidianità. Anche tutte le coppie che avrebbero dovuto convolare a nozze in questi mesi hanno rimandato, oppure si sono sposate rinunciando però a fastosi festeggiamenti e a vedere la Chiesa gremita di gente per un evento così importante.Tra coloro che si sono detti “sì” spiccano Marcello Cesena, attore, imitatore e comico italiano, e il compagno Alessandro Iovine. La coppia è convolata a nozze sabato 18 aprile in una Roma deserta a causa delle restrizioni legate alla pandemia. “Just Married!” (“Appena sposati!“) è la scritta che campeggia in primo piano sul post Instagram pubblicato da Cesena dopo il matrimonio.Marcello Cesena sul proprio profilo Instagram ha voluto informare i followers del lieto evento. Il comico ha pubblicato una foto insieme ad Alessandro e, in allegato, ha scritto le seguenti parole: “In una Roma deserta, indossando mascherine e guanti (le abbiamo tolte giusto per sta foto) ci siamo sposati!! Perché non volevamo ricordare questi giorni solo per la Pandemia ma anche per qualcosa di bello“. Sicuramente uno dei giorni più belli per Marcello Cesena. Il comico è conosciuto ai più per essere stato protagonista in tv di numerosi sketch e gag divertenti.A inizio 2004 infatti è stato ospite fisso dei programmi della Gialappa’s Band e, in Mai dire Lunedì, è stato ideatore e protagonista della celebre serie Sensualità a corte. La sua carriera ha spaziato dalla televisione al cinema, diventando regista di pellicole quali Peggio di così si muore e Il cosmo sul comò.

giovedì 16 aprile 2020

ETTORE BASSI e ANGELICA RIBONI matrimonio del 2009


Ettore Bassi,attore(16 prile 1970) e Angelica Riboni ,manager si sono conosciuti nel 2000, sposati solo nel 2009 e dalla loro relazione sono nati Caterina, 17 anni, Olivia, 15, e Amelia, 5: «Io ed Ettore ci siamo lasciati nel 2016, su mia decisione: ha fatto cose che non ho potuto davvero perdonare – ha fatto sapere a “Oggi” - All’inizio la separazione è stata civile, quasi armoniosa, per il bene delle nostre figlie. Ma poi non abbiamo trovato un accordo sulla separazione. E ora e' battaglia legale......

mercoledì 15 aprile 2020

CLAUDIA CARDINALE e FRANCO CRISTALDI matrimonio del 1968 ad Atlanta



Una carriera lunga e ricca di successi e riconoscimenti quella di Claudia Cardinale ( 82 anni il 5 aprile 2020), La Carmelina de I soliti ignoti, la meravigliosa Angelica de Il Gattopardo, Marie Sarrazine de Le pistolere, accanto a Brigitte Bardot: una miriade i personaggi che nell’ultimo mezzo secolo hanno il suo volto, quello di una diva che non si limitano a fare cinema, ma sono “Il Cinema”.Eppure anche nel suo passato, fatto di una miriade di riconoscimenti, non sono mancati i momenti bui, quelli che le hanno segnato irrimediabilmente la vita.Intervistata dal Corriere della Sera, la Cardinale si racconta a cuore aperto e svela di aver subito uno stupro da giovanissima.“Stavo vivendo, in quel periodo, un momento molto delicato della mia vita — racconta la grande attrice che, all’epoca, era reduce da uno stupro subito a Tunisi, dov’era nata. Un uomo che non conoscevo, molto più grande di me, mi costrinse a salire in auto e mi violentò. È stato terribile, ma la cosa più bella è che da quella violenza nacque il mio meraviglioso Patrick. Io infatti, nonostante fosse una situazione molto complicata per una ragazza madre, decisi di non abortire. Quando quell’uomo seppe della mia gravidanza, si rifece vivo, pretendendo che abortissi. Neanche per un attimo pensai a disfarmi della mia creatura! Ne parlai con i miei meravigliosi genitori e con mia sorella Blanche e tutti insieme decidemmo che il mio bambino sarebbe cresciuto in famiglia, come un fratello minore“.L’attrice ha poi raccontato di come in seguito a quell’episodio è scappata a Londra insieme a Franco Cristaldi – sceneggiatore e produttore con cui all’epoca aveva una relazione – per sfuggire allo scandalo. Nella città inglese ha portato avanti la gravidanza, malgrado tutti le avessero consigliato di abortire, e ha dato alla luce il figlio.“Per questo mio figlio si chiama Patrick: ha preso il nome della chiesa dov’è stato battezzato. Fui grata al produttore per avermi aiutata in quel momento difficile, poi però…“, ha aggiunto.Con Cristaldi iniziò una relazione «e lui voleva che mantenessi segreta la nascita del bambino, non voleva nemmeno che vivesse con noi». Una storia tormentata: «Con lui ero praticamente un’impiegata, una subalterna che veniva pagata al mese per i quattro film l’anno che facevo: non lo chiamavo nemmeno per nome, ma per cognome. Mi sentivo in ostaggio, mio padre e mia madre erano furibondi».Si celebrò anche un matrimonio, però: «Che aveva deciso lui — ribatte Claudia — e in gran segreto: lo aveva organizzato senza dirmi nulla, io lo annullai perché non ero innamorata, era lui ad esserlo di me. Insomma, Cristaldi è stato certamente un grande produttore, ma sul piano privato… meglio sorvolare».

TOTO e FRANCA FALDINI matrimonio del 1954 a Lugano

Fu senz’altro ricca di vicissitudini la vita sentimentale di Antonio de Curtis, ovvero il grande Totò. Dopo un tormentato amore e un matrimonio finito, l’attore si legò infatti a quella che sarebbe stata la sua compagna per tutto il corso degli ultimi anni della sua vita. A questa ultima relazione è legata la notizia che fece scalpore tra le riviste dell’epoca e legata ad un finto matrimonio contratto tra i due all’estero.Diana Bandini fu la compagna di Totò dal 1931 e divenne sua moglie dal 1935 al 1939. Da lei l’attore ebbe una figlia, Liliana De Curtis, che proprio Totò scelse di chiamare come Liliana Castagnola, sua vecchia fiamma e suicida per amore di lui. Non rispettando il patto che i due avevano stabilito, ovvero quello di rimanere a vivere insieme, anche se separati, fino al momento nel quale loro figlia si fosse sposata, Diana decise di andarsene e poco dopo Totò conobbe Franca Faldini. Fu proprio quest’ultima che accompagnò la sua vita privata e professionale in quelli che furono gli ultimi anni della sua vita. Il loro rapporto fece da subito scalpore, in primo luogo per la giovane età della Faldini, che possedeva solo due anni in più della figlia di Totò, ovvero Liliana. In secondo luogo poi i due decisero, per mettere a tacere le voci sul proprio conto, di contrarre un finto matrimonio nel 1954 all’estero, ovvero a Lugano, in Svizzera.

SANDRA MONDAINI e RAIMONDO VIANELLO matrimonio del 28 Maggio 1962








Classe 1922 lui, 1931 lei, sono stati insieme 52 anni sulla vita e sul set. Si erano conosciuti nel 1959 e si sposarono tre anni dopo, formando una delle più inossidabili e riuscite coppie dello spettacolo italiano.
Ironici, sarcastici come quando nel '74 nel mitico Tante scuse si correvano incontro in un bosco per abbracciarsi e invece lei cadeva in un fossato e lui felice fuggiva via oppure si smarcava dall'abbraccio di lei per mettersi a giocare a pallone come un ragazzino.
 Tra le mille battute di Vianello quelle sul rapporto con la moglie sono forse tra le piu' amate dagli italiani. 'Se mi guardo indietro non ho pentimenti. Dovessi ricominciare, farei esattamente tutto quello che ho fatto. Tutto. Mi risposerei anche. Con un'altra, naturalmente'. 
 In 'Casa Vianello' non si contano le freddure sul suo rapporto coniugale: 'Quel giorno non ti ho chiesto mica di sposarmi, ti ho solo chiesto un parere: se noi due ci sposassimo saresti contenta?'. 
 Oppure la risposta a Sandra che lo accusa di tradirlo: 'Noi due abbiamo avuto alti e bassi, ma ti diro' la verita' io ho sempre provato a tradirti e non ci sono mai riuscito'.
 La loro ironia sperimentata con successo in tv negli anni '70 e '80 era diventata il cuore della sit-com Casa Vianello negli anni '90 e 2000. Riprendendo uno sketch di qualche anno prima, i due sul letto con lui che legge il quotidiano sportivo e lei che invano cerca di attirare l'attenzione in maniera sempre piu' invadente per poi esausta sbuffare, che barba-che noia, restano un topos imprescindibile della tv ma anche esempio della vita coniugale meglio di un trattato di sociologia sulla sessualita' degli italiani.

martedì 14 aprile 2020

FABIO FAZIO e GIOIA SELIS matrimonio del 23 Luglio 1994


Si sa che l moglie Gioia Selis è nata l’8 febbraio del 1968 (il marito il 30 novembre del 1964) a Savona. L’incontro con Fabio Fazio è avvenuto quando entrambi erano parecchio giovani, fino al matrimonio celebrato il 23 luglio del 1994 a Borgio Verezzi, in provincia di Savona. Come raccontarono le cronache dei tempi, alla cerimonia c’era l’intero staff del programma che ha reso famoso Fabio Fazio, Quelli che il calcio. Tra gli invitati i volti più rappresentativi della trasmissione, come Idris, suor Paola, Memo Remigi e Marino Bartoletti.

giovedì 9 aprile 2020

LUCIA ANNUNZIATA matrimonio con DANIEL WILLIAMS

Lucia Annunziata si sposa per la prima volta nel 1972 con Attilio Wnderlingh napoletano di origini olandesi ma il matrimonio naufraga dopo poco.Sposa in seconde nozze Daniel Williams giornalista del Washington post con una cerimonia New York per 250 invitati ,dalla loro unione nel 1993 nasce la figlia Antonia Williams


EDORDO VIANELLO e WILMA GOICH matrimonio del 1967


Edoardo Vianello e Wilma Goich si sposano nel 967 e  negli anni ’70 fondano lo storico duo I Vianella. Si separano nel 1978 e dopo la loro separazione, entrambi riprendono la carriera da solisti per poi ricomporre il sodalizio artistico nel 2014.La coppia ha una figlia Susanna venuta mancare il 7 aprile 2020 soli 50 anni stroncata da un brutto male.....

martedì 7 aprile 2020

SIMONE INZAGHI e GAIA LUCARIELLO matrimonio del 2 Giugno 2018




Una cerimonia privata, con tanti amici calciatori e una ex a fare da testimone. Si è sposato il 2 giugno a Montalcino Simone Inzaghi, l’allenatore delle Lazio ha detto sì alla compagna imprenditrice Gaia Lucariello, al Castello Banfi. Abito bianco per lei, che è arrivata in carrozza, duecento invitati tra cui molti calciatori, e a fare da testimone alla sposa Alessia Marcuzzi, ex compagna di lui e madre di Tommaso, che oggi ha 17 anni (Alessia e Simone sono stati legati dal 2001 al 2004). La conduttrice è arrivata accompagnata dal marito Paolo Calabresi Marconi. Una famiglia “allargata” la loro, Alessia è amica di Gaia, che con Simone ha avuto un altro figlio, Lorenzo, nato nel 2013. Alle nozze presenti anche Claudio Lotito, e poi tanti amici calciatori: naturalmente il fratello dello sposo e suo testimone di nozze Pippo Inzaghi, e poi Alberto Aquilani con Michela Quattrociocche e tanti altri. A organizzare la cerimonia l’agenzia di Silvia Slitti, moglie di Giampaolo Pazzini (Instagram)

venerdì 3 aprile 2020

PIERO PELU' e GIANNA FRATTA matrimonio del 14 Settembre 2019

Piero Pelù sposa la sua “regina di cuori”: nozze a Firenze con Gianna Fratta

Che i fiori d’arancio fossero nell’aria si era capito d giugno, quando le pubblicazioni di matrimonio non avevano lasciato dubbi sulle intenzioni di Piero Pelù di compiere il grande passo, e così è stato: il cantante ha detto «sì» a Gianna Fratta, direttrice d’orchestra e pianista. La cerimonia, in forma civile, sabato 14 settembre a Firenze, a Palazzo Vecchio, davanti al sindaco Dario Nardella. Gli sposi, 57 anni lui, 46 lei, sono arrivati insieme, a bordo dell’Alfa Romeo d’epoca del cantante, addobbata a festa.Che i fiori d’arancio fossero nell’aria si era capito lo scorso giugno, quando le pubblicazioni di matrimonio non avevano lasciato dubbi sulle intenzioni di Piero Pelù di compiere il grande passo, e così è stato: il cantante ha detto «sì» a Gianna Fratta, direttrice d’orchestra e pianista. La cerimonia, in forma civile, sabato 14 settembre a Firenze, a Palazzo Vecchio, davanti al sindaco Dario Nardella. Gli sposi, 57 anni lui, 46 lei, sono arrivati insieme, a bordo dell’Alfa Romeo d’epoca del cantante, addobbata a festa.Piero e Gianna stanno insieme dal 2016, presentati da un comune amico, ma non si sono mai soffermati a raccontarsi. Una delle prime uscite in coppia, nel maggio 2018, in occasione della Mille Miglia, sulla stessa auto che sabato scorso li ha portati a Palazzo Vecchio, mentre la prima esibizione insieme risale allo scorso giugno, alla premiazione dell’Argos Hippium, nel parco archeologico di Siponto, a Manfredonia. Lei al piano, lui al microfono con Toro Loco. Per entrambi si tratta del primo matrimonio.Nel passato di lui, storie importanti, che gli hanno lasciato tre figlie: Greta, classe 1990, che lo ha reso nonno di Rocco, Linda, nata nel 1995 e Zoe, avuta nel 2004. Un nuovo capitolo tutto da scrivere è appena iniziato.

venerdì 27 marzo 2020

PAOLO VILLAGGIO e MAURA ALBITES matrimonio del 1957


Maura Albites è stata per ben 63 anni la moglie di Paolo Villaggio. Il celebre attore, scomparso oggi all’età di 84 anni, la conobbe nel 1954. Da subito si accorse che quella sarebbe potuta diventare la donna della sua vita, e ci azzeccò. Il loro fu un vero e proprio colpo di fulmine: lei aveva 15 anni, lui 22. Con lei fece l’amore per la prima volta e dopo il primo incontro al Lido di Genova i due bruciarono tutte le tappe. Tre anni dopo si sposarono e diedero alla luce due figli, Elisabetta (nata nel 1959) e Pierfrancesco (1965). L’amore era tale da indurre lui a seguirla persino a Londra, quando lei andò a lavorare lì. Si sono amati davvero tanto, fino all’ultimo. Anche se nel corso del loro matrimonio, non sono mancate le scappatelle da ambedue le parti. Ne ha parlato lo stesso artista in un’intervista a Libero.

mercoledì 25 marzo 2020

STEVE MCQUEEN tre matrimoni per un mito del cinema




L’attore si è sposato per la prima volta nel 1956, a ventisei anni, con la collega Neile Adams, per poi divorziare nel 1972. Dopo circa un anno dalla separazione, McQueen si è risposato con un’altra collega, Ali MacGraw, dando vita ad una relazione turbolenta che ha portato al divorzio nel 1978, dopo qualche anno di matrimonio. In seguito, si sposato per la terza ed ultima volta con la modella Barbara Minty. Tra i vari flirt a lui attribuiti, ci sarebbero quelli con le attrici Lauren Hutton e Barbara Leigh.

lunedì 23 marzo 2020

FRANCESCO BOCCIA e NUNZIA DE GIROLAMO matrimonio del 23 dicembre 2011


Dopo due anni e mezzo di fidanzamento, Francesco Boccia e Nunzia De Girolamo si sono sposati ,testimoni di nozze i rispettivi fratelli, presenti pochi e selezionati parenti di entrambi. I novelli sposi hanno scelto lo splendido comune del Cilento non soltanto per ragioni estetico-romantiche. Correva il 6 febbraio 2009 quando la scintilla scoccò. L'attuale commissario regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Tommaso Pellegrino, ora - appunto – sindaco democratico di Sassano, organizzavano quel giorno all'università Federico II un convegno, «I giovani protagonisti del cambiamento». Francesco e Nunzia, entrambi deputati, si incontrarono lì, da sponde opposte, il primo da quella del Pd, la seconda del Pdl. Trentaquattro mesi dopo hanno chiesto al loro Cupido, Pellegrino appunto, di celebrare le nozze con rito civile il 23 dicembre 2011.A far trapelare la notizia, sono stati – involontariamente – gli stessi sposi, prima uscendo dal municipio “evidentemente sposati” confessa un carabiniere di pattuglia quel giorno “avevano anche le fedi all’anulare”. Poi andando a festeggiare in quindici persone al Grand Hotel Certosa, un noto albergo della zona. E, pur mangiando in una saletta privata, quando si brinda al matrimonio, è difficile passare inosservati: